La Cicerchia

Conosciuta per la sua resistenza alla siccità, è molto ricca di proteine, vitamine del gruppo B e fosforo.

Informazioni sul prodotto

barattolo di vetro > 420gr
sacchetto di carta > 400gr
sfuso oltre > 2kg

La nostra azienda ha come prerogativa la riduzione degli imballaggi e il bando della plastica per il confezionamento, e per questo che utilizziamo solo sacchetti di carta, senza finestrelle e vetro per la conservazione. Vorremo avviare un circuito di fidelizzazione con i nostri clienti che portandoci il barattolo vuoto potranno acquistare di nuovo il prodotto ma al prezzo dello sfuso.
Tutto il materiale usato per il confezionamento è riciclabile e a basso impatto ambientale.

La nostra cicerchia può essere acquistato tramite ordini effettuati compilando il form in fondo alla pagina.

PREZZI

vendita sfuso per quantità superiori ai 2 kg  12 E/kg
vendita in sacchetto di carta 400 gr         6 Euro
vendita in barattolo di vetro da 420 gr     8 Euro

Per ordini superiori ai 2kg, il prezzo scende a … €/Kg e il prodotto sarà confezionato e consegnato in sacchetti di carta, secondo necessità.

Prodotto e confezionato sulle colline del Farfa, con metodi naturali, senza utilizzo di sostanze chimiche. Prodotto 100% italiano.

Prodotto da Azienda Agricola Gloria Lina Cella in conversione Biologica
Loc. Mercata Toffia 02039 Rieti

Organismo di controllo Suolo e Salute Srl
Autorizzato dal MIPAAF n. 12-02824
Codice ODC IT-BIO-004

Valori nutrizionali

È un legume molto salutare. Ricca di proteine ed amidi, vitamina B1, B2, e PP, molto calcio, fosforo, fibre alimentari, la cicerchia viene consigliata in oligoterapia nutrizionale, nei disturbi della memoria, di affaticamento cerebrale, astenia generale, per gli studenti, per gli anziani. La cicerchia contiene un principio amaro (latirina) indigesto per l’uomo, da qui la necessità di macerazione per tutta la notte in acqua salata (l’acqua va gettata) e di una bollitura scrupolosa per circa due ore. Ottime in minestra o in zuppa.

Valori nutrizionali medi
Kcal 314
kj 1336
Grassi 1.6 g
Carboidrati 48.4 g
Proteine 29.3 g

La cicerchia

La cicerchia è unica, quadrangolare e molto irregolare tanto che è molto difficile trovare un seme uguale all’altro. Tipica della Regione Lazio che nei momenti più bui a trovato in essa una fonte di sostentamento anche per le famiglie più povere. Una volta largamente coltivata per la sua rusticità,  attualmente è stata quasi dimenticata, vuoi per la sua scarsa resa vuoi per la mancanza di macchine automatizzate per la raccolta. Il suo gusto è estremamente gradevole e si sposa bene con un soffritto di cipolle, con una minestra di pasta fresca, oppure in insalata con sedano e carote grattugiate, sale, pepe e olio.

La cicerchia è un legume antichissimo, ne sono state trovate tracce in siti archeologici della Mesopotamia risalenti addirittura all’ 8.000 a.C.  “La carne dei poveri “una volta consumato solo da contadini e dalle famiglie meno abbienti per sopperire al mancato apporto di proteine della carne a riprova di tale connotazione esisteva un detto che recitava “Vali come una cicerchia”.

Anticamente venivano essiccate e macinate per ricavare  farina oppure i  semi venivano torrefatti e macinati insieme ad altri legumi come surrogato del caffè.

Produzione 2016

Abbiamo seminato e raccolto la Cicerchia in una porzione dell’orto di superficie pari a 500 mq per effettuare le dovute rotazioni agrarie utili all’arricchimento del suolo e per diversificare la produzione ma sopratutto vivificare un legume della tradizione laziale. Tutte le lavorazioni sono state fatte a mano, dalla semina alla sarchiatura e il rincalzo, alla legatura e raccolta per finire con la battitura, per una produzione di circa 36 kg. di seme. Il suolo che nei due anni precedenti era stato a riposo è stato lavorato con un morgano leggero concimato con letame maturo e fresato per preparare il letto di semina, non sono state effettuate arature e scassi per non alterare la pedologia del suolo. la semina è stata effettuata a spaglio e la raccolta è stata effettuata nelle prime ore dalla mattina a mano. Prima della battitura è stato fatto essicare al sole per 48 ore. Il seme, non trattato è stato reperito da amici del Lazio.

la cicerchia in cucina

MODALITÀ DI UTILIZZO.

Ottima con cereali integrali e verdure di stagione.

TEMPO DI AMMOLLO.

12 ore in acqua tiepida con un cucchiaio di bicarbonato, cambiando l’acqua 2 o 3 volte. Dopo l’ammollo l’acqua va buttata e la cicerchia va sciacquata abbondantemente.

TEMPI DI COTTURA.

Portare a ebollizione la cicerchia in acqua e cuocere per circa 2 ore. Si consiglia l’aggiunta di una foglia di alloro e/o alga Kombu, e di un cucchiaino di bicarbonato per velocizzare la cottura del legume.

QUANTITÀ PER PERSONA.

40gr per 500ml di acqua.

Cotolette di cicerchia

ingredienti
500 g di cicerchie già cotte
4 cucchiai di pangrattato
3 cucchiai di  farina di ceci
1  curry
1 prezzemolo
1 pizzico di peperoncino
1/2 spicchio di aglio
1 pizzico di sale
rosmarino
olio evo
succo di limone
insalata, pomodorini  per guarnire

Mettere in  ammollo le cicerchie per 24 ore, poi sciacquarle e metterle nel coccio con un po’ d’olio, pizzico di bicarbonato, l’alloro, la cipolla  e tanta acqua fino a coprirle abbondantemente. Farle cuocere fino ad ottenere la cottura desiderata (circa 2 ore)e solo alla fine aggiungere il sale.

Quindi metterle in una ciotola  con un po’ d’acqua di cottura e frullarle.

Aggiungere il pangrattato, la farina di ceci, il curry, il prezzemolo, il peperoncino e il sale… e impastare fino ad ottenere una consistenza soda, ma non troppo, per non renderle troppo secche.

Lasciare riposare l’impasto coperto in frigo per almeno un’ora, anche di più se si può, tirarlo fuori e aiutandoci con le mani bagnate dare la forma e la dimensione desiderata e poi passarle nel pangrattato. Foderare una teglia di carta forno, mettere un giro d’olio evo, poggiarle delicatamente sulla teglia, mettere ancora un po’ d’olio e del rosmarino.

Infornarle in forno già caldo a 180° per 20-25 min e poi far fare un po’ di grill per ottenere la doratura.   Impiattare, cospargerle con un po’ di succo di limone ed abbinarci una bella e colorata insalatina.
Buon appetito!

Minestra di cicerchia e friggitelli

ingredienti:
200gr di cicerchia
4/5 cucc. di salsa di pomodoro
7/8 friggitelli
1 carota
sedano
aglio
porro
olio evo
salvia e rosmarino tritati
brodo vegetale
sale
pepe
pane tostato

Come si prepara:
Reidratare e cuocere la cicerchia.
Tritare le verdure e aggiungere l’aglio.
Saltare con un filo di olio.
Versare i friggiteli tagliati a listarelle, le cicerchie, e il trito di salvia e rosmarino.
Lasciare insaporire, coprire con il brodo e aggiugere la salsa.
Cuocere con il coperchio per circa 30 minuti.
Frullare grossolanamente con un mixer a immersione solo una parte delle cicerchie.